Informativa sull'uso dei cookie

 Ylenia Caioli

Scoprire New York a…ritmo di musica: dagli U2 ai Beatles!

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

imagineOltre ai viaggi, alle foto e ai video, tra le mie passioni rientra senza dubbio anche la musica!

Non so se questo dipenda dal fatto che nella mia famiglia, dalla parte di mio padre, è sempre stato dimostrato un forte interesse per questa forma d’arte: a testimoniarlo c’è non solo il fatto che un mio trisavolo è stato tra i primi direttori della Fanfara dell’Arma dei Carabinieri, ma soprattutto che tra i pochissimi sbiaditi ricordi che ho di mio nonno, scomparso quando ero molto piccola, c’è lui mentre suona il suo pianoforte.

A differenza dei miei illustri avi però, più che comporla o suonarla, a me la musica piace ascoltarla, e, quando posso, cerco di unirla all’altra grande passione, i viaggi: mi piace cioè andare a visitare luoghi che, per qualche motivo, rientrano nella mia personale “storia della musica”.

L’ho fatto per il viaggio in Irlanda, sulle orme degli U2, e lo rifeci tempo dopo anche durante il viaggio a New York.

virgin a new yorkHo pensato quindi di mettere insieme, in questo post, i luoghi legati alla musica che sono riuscita a visitare nella Grande Mela: premetto che, per lo più, si tratta di luoghi legati a U2 e Beatles!

5TH AVENUE, TIME SQUARE E PONTE DI BROOKLYN

fifth avenue a new yorkNel 2004 gli U2 avevano girato a sorpresa un video per le strade di New York: il video in questione era quello della canzone “All because of You“, che trovate qui sotto!

Nel video sono riconoscibili diversi luoghi di New York, piuttosto famosi, che quindi sarebbero comunque rientrati nel nostro giro; avevo però un motivo in più per visitarli!

Il primo luogo che si riconosce bene è la 5ht Avenue, nota soprattutto per i suoi lussuosissimi negozi, tra cui Tiffany, Abercrombie e Apple Store, per la Cattedrale di San Patrizio e per il lussuosissimo Plaza Hotel!

Devo dire che percorrerla mi ha fatto una certa impressione, soprattutto per tutte le volte nelle quali l’avevo vista ripresa nei film!

Rockfeller centerIn particolare mi è piaciuto molto il Rockfeller Center, che ho potuto vedere nell’allestimento estivo, ovvero pieno di fiori, di tavolini e ombrelloni; non nego che mi piacerebbe vederlo anche in inverno, per ammirare il mega albero di Natale, che qui viene allestito, e provare a pattinare sulla pista di ghiaccio!

Scendendo verso la cosidetta Downtown Manhattan, si trova invece Time Square, altra protagonista del video degli U2.

time square a new yorkE’ la piazza famosa per il countdown dell’ultimo dell’anno, dove si trovano negozi come l’Hard Rock o la Virgin, e intorno alla quale ci sono i famosi teatri di Broadway con i musical più importanti..

time square_inaugurazione stagione musical..quando l’ho visitata la prima volta, stavano proprio allestendo la parata per l’apertura della stagione dei musical, un grande evento per tutta la città!

ponte di brooklyn_ingresso pedoni e biciAltro protagonista del video degli U2 è il Ponte di Brooklyn, uno dei simboli più famosi di New York, insieme alla Statua della Libertà.

Inaugurato nel 1886 è stato il primo ponte costruito in acciaio e, per per molto tempo, ha avuto il primato di “ponte sospeso più grande al mondo”!

La parte superiore e centrale è riservata a bici e pedoni mentre quella inferiore alla circolazione delle auto.

ponte di brooklyn_corsia autoE’ divertente percorrere il ponte di Brooklyn a piedi, come abbiamo fatto noi, partendo proprio da Brooklyn (l’accesso è vicino al Fulton Ferry e si può raggiungere in metropolitana) per terminare nell’East River di Manhattan.

EMPIRE FULTON FERRY STATE PARK

Fulton Ferry State ParkSi tratta di un delizioso parco che si trova a Brooklyn, lungo il fiume Hudson, tra il famoso Ponte di Brooklyn e il Ponte di Manhattan: noi lo raggiungemmo in metro e grazie alle indicazioni trovate subito fuori dalla stazione.

Il Fulton Ferry Park sorge nella zona dove si trovava il vecchio Fulton Ferry, il servizio di traghetto che collegava le due sponde dell’Hudson fino all’apertura del Ponte di Brooklyn, nel 1886.

Fulton Ferry_ area concerto U2La creazione del parco è piuttosto recente: volevo visitarlo perchè qui gli U2 avevano tenuto il mini-concerto a sorpresa del 2004, al termine della registrazione del video “All because of You” di cui ho scritto prima.

Devo dire che il parco è un bell’angolo di verde, alternativo a Central Park, davvero molto rilassante;

fulton ferry_parco tra ponte broolyn e ponte manhattanda qui si gode anche un’ottima vista su questo lato di Manhattan e sui suoi ponti più famosi!

HARLEM: SOUL LOVE AND SOUL FOOD!

harlemSe “All because of You” mi ha permesso di costruire un itinerario per conoscere alcuni dei luoghi simbolo di New York, devo ammettere per onestà che non fu questa canzone ad accompagnarmi in quel viaggio!

Per tutto il tempo che rimasi a New York, infatti, la canzone degli U2 che mi è risuonata in testa è stata “Angel of Harlem” (in particolare l’urlo di Bono “Soul Love…and this love won’t let me go!”).


Ovvio quindi che tra i luoghi da visitare ci fosse anche il quartiere di Harlem e per farlo scegliemmo una domenica mattina!

Purtroppo però la nostra visita non andò come previsto!

Avevamo scelto la domenica mattina per poter assistere ad una messa cantata in una delle numerose chiese di Harlem ma arrivammo troppo tardi e ce la perdemmo!

In questi giorni ho trovato però un post molto carino di Barbara Oggero, di “Reporter per Caso”, che racconta proprio questa sua esperienza: se siete interessati a viverla anche voi, qui potete leggere il suo post!

vie di harlemNoi ci accontentammo quindi di gioravagare un po’ per le strade di Harlem per respirarne almeno l’atmosfera:

campagna obama 2008era il periodo della campagna elettorale per le presidenziali del 2008, che avrebbe visto trionfare Obama al primo mandato, e per le strade l’attività a sostegno del futuro presidente era molto forte.

Ci fermammo anche a pranzo da Sylvia’s, uno storico ristorante di Harlem, per gustarci un po’ di cosidetto “soul food“:

sylvia's restaurantsi tratta di un tipo di cucina tipica della comunità afro-americana, diffusasi intorno alla metà degli anni ’60.

Sylvia’s è uno dei restauranti storici perchè aprì nel 1962, uno dei primi quindi a New York per questo genere di cucina: a distanza di tanti anni ricordo che il piatto che scelsi era davvero delizioso, soprattuto la salsa usata per accompagnarlo!

Se capitate da queste parti, vi consiglio di provarla!

THE DAKOTA: L’APPARTAMENTO DI JOHN LENNON

the dakotaAmmetto che il “trip” per i Beatles è piuttosto recente: non che prima non mi piacessero ma diciamo che li ho riscoperti negli ultimi anni!

A New York, però, ne ho approfittato per andare a vedere il Dakota, il luogo dove abitava John Lennon e all’ingresso del quale fu ucciso l’8 dicembre 1980.

beatlesPare che la vedova Yoko Ono mantenga ancora la proprietà di parte dell’edificio.

Il Dakota si trova accanto a Central Park, nell’Upper West Side, ed è facilmente riconoscibile.

Davanti all’edificio si trova anche l’ingresso a Central Park che porta allo Strawberry Fields Memorial, il monumento creato proprio in memoria di Lennon.

STRAWBERRY FIELDS MEMORIAL  

targa a strawberry fieldsDopo la morte di John Lennon la città di New York volle dedicargli un monumento commemorativo: nacque così lo Strawberry Fields Memorial, a Central Park, dal nome della celebre canzone dei Beatles “Strawberry Fields”.

Il monumento venne inaugurato il 9 ottobre del 1985, in occasione del 45° anniversario della nascita di Lennon.

Tra l’altro il creatore del mosaico “Imagine” (ispirato alla canzone più famosa di John Lennon) e che campeggia al centro dello Strawberry Field Memorial, pare sia stato realizzato da un artigiano italiano.

imagine mosaicoLo Strawberry Field Memorial si trova non lontano dal Dakota e infatti lo abbiamo visitato subito dopo.

La cosa più belle di questo luogo è l’aria che vi si respira: vi aleggia infatti una sorta di pace e tranquillità, nonostante il via vai continuo dei fans che qui arrivano in pellegrinaggio da tutto il mondo, lasciando oggetti ricordo.

strawberry fields memorial a central parkDevo dire che è un bel tipo di omaggio ed è un ottimo luogo per fermarsi a meditare un po’!

SAN REMO: EX APPARTAMENTO DI BONO

San Remo e Central ParkSe si supera il Dakota, poco più avanti si trova il San Remo: si tratta di un altro edificio residenziale di New York che si vede svettare molto bene da Central Park.

Ci trascinai la mia compagna di viaggio solo perchè qui Bono aveva avuto, tempo prima, un appartamento ed ero curiosa di vedere il posto!

san remo a new yorkDopo averlo visto però mi son convinta che questo palazzo somigli molto anche a quello che compare nel film “Ghostbuster:” da ricerche successive che ho fatto, pare non sia così…ma a me lo ricorda tantissimo! 

LINCOLN CENTER: CENTRO DELLE ARTI A NEW YORK

lincoln centerLa visita al Licoln Center fu un cosidetto “colpo di fortuna”, come si usa dire.

Grazie infatti ad uno dei clienti per i quali lavorava all’epoca la mia compagna di viaggio, e che era coinvolto nella ristrutturazione dell’edificio, ci fu possibile visitarlo nonostante fosse in ristrutturazione e quindi chiuso al pubblico.

lavori al lincoln centerIl Lincoln Center ospita numerose organizzazioni che si occupano di musica e arte come il Metropolita Opera House e il New York City Ballet!

Si trova nell’Upper West side e venne realizzato, da Rockfeller III e da altri personaggi di spicco della città, durante gli anni ’60!

ingresso metropolitan opera houseLa visita fu insolita e molto interessante perchè ci permise di curiosare dietro le quinte, e di ammirare, ad esempio, il bellissimo auditorium del Metropolitan Opera House:

auditorium metropolitan opera housequi il via vai era frenetico tra musicisti e operai che stavano ultimando i lavori!

MADISON SQUARE GARDEN

madison square gardenÈ considerato un po’ il “tempio della musica” a New York: in realtà il Madison Square Garden è uno stadio aperto nel 1968 e adibito ad ospitare eventi sportivi ma anche spettacoli e concerti.

Qui si sono esibite artisti come Frank Sinatra, Elvis, i Led Zeppelin, The WhoQueen, Guns e ovviamente anche gli U2! (Ho scelto l’esibizione degli Who di “Won’t get fooled again” non solo perchè è fantastica ma anche per la mia passione per CSI NY!)

Il Madison Square Garden si trovava poco distante da dove abitavamo noi, a Chelsea; e quindi quasi ogni giorno ci capitava di passarci davanti.

Si può dire che ha rappresentato un po’ la nostra  mascotte musicale!

RADIO CITY MUSIC HALL

radio city music hallSiamo passate davanti al Radio City Music Hall solo una volta ma non si può non nominarlo.

Inaugurato nel 1932, questo luogo ha ospitato concerti di artisti famosi, come Frank Sinatra, Pink Floyd e la mitica Arehta Franklin!

Tutt’oggi continua ad essere sede di concerti di artisti internazionali, di musical e anche di programmi televisivi come “America’s Got Talent”.

HARD ROCK CAFE’

hard rock cafèNon ricordo com’è iniziata la mia personale abitudine di visitare gli Hard Rock Cafe in ogni città nella quale mi trovo a passare ma quello di New York non ha fatto eccezione!

L’Hard Rock si trova a Time Square: se non ricordo male era a due piani: nella parte superiore c’era il negozio è in quella inferiore il bar e locale.

vetrina hard rock cafèTra i motivi di quella visita c’era anche il fatto che volevo acquistare la t-shirt lanciata da Bono in quelle settimane e da lui disegnata per la RED, il cui incasso sarebbe infatti andato in beneficenza!

 

Ovviamente oltre a quelli sopra citati, New York presenta molti altri luoghi legati alla storia della musica ma questi sono tutti quelli che ho avuto modo di visitare nel mio viaggio.

Se però ne conoscete altri, o avete voglia di condividere vostri aneddoti legati a quelli sopra citati, sarei davvero curiosa di leggerli!

(1567 views)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *