Informativa sull'uso dei cookie

 Ylenia Caioli

Dove mangiare in Belgio: dalla cucina tradizionale a quella bio e vegana!

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

mangiare in belgio

Non sono una food blogger ma non disdegno la buona cucina e quando quella di un paese mi sorprende, come è avvenuto nel mio viaggio in Belgio, mi piace anche scriverne!

In Belgio, infatti, mi sarei aspettata di trovare una cucina non troppo varia e un po’ pesante e invece ho dovuto ricredermi: dalle zuppe al fritto, dalle cozze alla cioccolata, per non parlare della birra artigianale (ma su quella non avevo dubbi!), la cucina belga mi è piaciuta molto come sapori e l’ho trovata per niente scontata!

cioccolata e fragole

Questo tipo di cucina mette insieme principalmente quella francese e tedesca ma secondo me ha risentito anche delle tradizioni culinarie delle varie etnie che hanno popolato il Belgio dal dopoguerra a oggi e questo ha probabilmente contribuito a renderla più aperta anche alle nuove tendenze, come, ad esempio, la cucina biologica e soprattutto vegana!

Inoltre, ho notato che i locali sono tutti molto ben curati, per non parlare della cortesia del personale e dell’attenzione per le problematiche ambientali!

Ho quindi pensato di indicare i locali dove mangiare in Belgio per me è stato un vero piacere, così che possano essere utili anche ad altri!

GENK: DAL FRITTO ALLE COZZE CON PATATINE

fritto brethof

A Genk abbiamo mangiato spesso a casa dei parenti del mio fidanzato (che hanno preparato delle cene da re!) ma un paio di volte siamo stati anche a mangiare fuori.

La sera del nostro arrivo, ad esempio, ci hanno portati in una friggitoria che si chiama Brethof e si trova in Weg naar As: il locale è piccolo ma accogliente, ha tavoli dentro e fuori e effettua anche take away!

Qui abbiamo fatto conoscenza con uno degli aspetti della cucina belga più tipici…il fritto!
Carne, pesce, patate, qui tutto viene fritto: buonissime le kipfinger, bastoncini di pollo, il piatto preferito, mi dicono, dei bambini..oltre che mio!
Deliziosa anche la maionese: non ricordo esattamente cosa ci fosse dentro ma era molto più dolce della nostra, senza però risultare stucchevole!

Occhio a quanto ordinate, però, perchè il rischio è quello di aver poi bisogno di una bella camminata a piedi per favorire la digestione!

lunch garden a genk

Molto diverso è il Lunch Garden che si trova all’interno di Shopping 1, il centro commerciale che sorge nel cuore di Genk.

Si tratta di un self service in franchising: di norma i self service non mi fanno impazzire ma sono rimasta molto colpita dalla cura e dall’attenzione nella preparazione dei piatti, oltre che dalla pulizia, generale di questo locale.

Qui abbiamo mangiato un paio di volte e, soprattutto, abbiamo provato il piatto più famoso della cucina belga: cozze e patatine fritte!

Approfittando, infatti, di una serata speciale, abbiamo pagato solo la prima portata, ovvero una pentola (nel vero senso della parola) di cozze, porzione di patatine fritte e bevuta; cozze e patatine potevano poi essere riprese a volontà…l’unica condizione era finire tutto!

cozze e patatine fritte

A me è bastata una porzione di tutto per essere sazia ma ho notato che molti (soprattutto uomini) hanno gradito almeno una seconda pentola di cozze!

Il Lunch Garden è anche comodo per i servizi che mette a disposizione a cominciare dal wifi free e dalle prese per ricaricare cellulari e/o portatili!

LEUVEN: DELIZIOSI HOT DOG SALATI E DOLCI E  CIOCCOLATA CALDA!

wurst a leuven

Se prima di partire mi avessero detto che sarei finita a mangiare in Belgio nel locale di un famoso chef, non ci avrei creduto…e invece è andata proprio così!

Grazie a Melissa, l’amica del mio fidanzato che ci ha accolto nella sua splendida Leuven (Lovanio), infatti, abbiamo avuto occasione di pranzare da Wurst, locale piuttosto di moda al momento!

Il locale si trova in Margarethplein, accanto alla Grote Mark: attenti però perchè all’ora di pranzo si formano code piuttosto lunghe all’ingresso!

wurst bancone

Wurst è stato aperto da Jeroen Meus, un giovane chef famoso in Belgio grazie anche a programmi televisivi: non sono riuscita a trovare molto su di lui se non in lingua francese (a me piuttosto ostica!) ma immagino che non sia molto diverso dai cuochi nostrani diventati famosi grazie alla tv.

Tutta la cucina si basa sulla rivisitazione dell’hot dog, non solo nella versione salata ma anche “dolce”.

hot dog wurts

hot dog dolce wurst

Ho provato entrambe le varianti e devo dire che mi sono piaciute molto!

Tra l’altro, oltre a bevande di tutti i tipi, Wurst ha una limonata fatta in casa semplicemente divina!

E’ un tipo di cucina diversa dai soliti piatti della cucina belga e se passate da Leuven, secondo me, merita la visita!

cioccolata a house of taste

Se invece avete voglia di dolce, e in particolare di cioccolata, la House of Taste si trova in Wandelingstraat, poco lontano dalla Grote Markt: abbiamo trovato questa raffinata pasticceria mentre cercavamo un locale dove bere un caffè.

Alla vista della cioccolata, il caffè è stato subito sostituito da un’ottima cioccolata calda: la sorpresa è stata che la cioccolata qui è servita in chicchi, che dovevano essere sciolti direttamente nel latte…non l’avevo mai provata!

BRUGGE: DAI CHIOSCHI DI FRITTO, AGLI HAMBURGER VEGGIE E ALLA BIRRA ARTIGIANALE

fritto a brugge

La nostra permanenza a Brugge è stata davvero “toccata e fuga”: siamo arrivati in tarda mattinata e siamo ripartiti la mattina successiva; per questo a pranzo abbiamo dovuto optare per una soluzione veloce che ci permettesse di non perdere troppo tempo seduti in un locale!

Abbiamo approfittato di uno dei chioschi di fritto che si trovano nella Grote Markt: abbiamo preso una porzione di fritto a testa con due bibite, così da poter proseguire la nostra visita del centro città.

Devo dire non è stato proprio un “pranzo economico” ma d’altronde eravamo anche nel cuore di Brugge, città molto turistica!

Ovviamente per la cena abbiamo cercato qualcosa di più sostanzioso!

ellis a brugge

Il centro di Brugge è pieno di ristoranti di vario tipo e con prezzi diversi: noi abbiamo scelto Ellis Gourmet Burger, un locale che abbiamo scoperto nella piazza Simon Stevinplein!

Lo abbiamo scelto perchè aveva un’atmosfera calda e accogliente e il ragazzo che si è occupato di noi per tutta la sera è stato davvero gentile e disponibile!

Il nome del locale deriva da Ellis Island, l’isola che si trova davanti a New York e dove, all’inizio del Novecento, approdavano tutti gli immigrati europei che cercavano fortuna negli Usa: l’obiettivo dei fondatori di questa catena di locali è esportare la qualità degli hamburger Usa in Europa, facendogli compiere così un percorso inverso a quello dei migranti europei!

cena da ellis

Ho avuto occasione di mangiare hamburger anche a New York e secondo me Ellis offre una versione più europea di questo piatto, motivo per il quale forse l’ho gradito di più: in ogni caso, dato che la carne non mi fa impazzire, ho scelto uno dei veggie burger, con una jack potato..e l’ho trovato molto buono!

Se un solo hamburger riesce a sfamarvi (come a me!) anche il rapporto qualità prezzo è conveniente; se invece (come il mio fidanzato) avete bisogno di almeno un paio di hamburger allora il conto può risultare un po’ salato…fate quindi attenzione ai prezzi riportati nel menu!

2shop a brugge

Infine, una nota sulla birra belga: se amate questa bevanda a Brugge ci sono un paio di locali che vale la pena visitare!

Il primo è un negozio molto particolare che si chiama 2be e si trova in Wollestraat, non lontano dalla Grote Markt: famoso per il Muro della Birra, dove sono raccolte 1250 birre belga, il negozio si trova all’ingresso di una sorte di corte interna, e si estende su due piani!

Al suo interno troverete solo birre e gadget dedicati alla birra!

Inoltre, in fondo alla corte si trova anche un piccolo pub: non abbiamo avuto occasione di provarlo ma l’ambiente è molto carino!

birra a brugge

Il secondo locale invece è un birrificio artigianale che si chiama De Halve Mann, aperto nel 1856 da Leon Maes: si trova in Walplein, una deliziosa piazzetta sulla strada per raggiungere il Beghinoff!

Oltre a produrre birra artigianale, qui vengono organizzate anche visite guidate al laboratorio: la visita può essere prenotata online sul loro sito oppure è possibile aggregarsi anche direttamente sul posto, se i gruppi non sono al completo.

Purtroppo noi siamo arrivati dopo le 17, quando le visite erano già finite…ci siamo consolati però con due ottimi boccali di birra artigianale che è possibile consumare nella corte interna!

GENT: CUCINA BIOLOGICA E ATTENTA ALL’AMBIENTE! 

exki a gand

A Gand ho trovato una catena internazionale di locali biologici che è entrata nella mia top ten personale e che è un’ottima soluzione per mangiare in Belgio coniugando qualità e prezzo: Exki!

Exki è una catena internazionale di negozi (il primo è stato aperto nel 2001 a Bruxelles!) che prende il nome da un gioco di parole con il termine francese exquis (squisito)…e secondo me il cibo lo è davvero: a Gand lo abbiamo scoperto mentre effettuavamo il percorso a piedi del centro storico e si trova in Sint-Michielsstraat, davanti a Korenmarkt.

Qui si possono scegliere tra panini, piatti con verdure, insalate o carni bianche già pronti (ma fatti comunque in giornata) oppure si può optare per piatti caldi, come le zuppe (fantastiche!), torte salate o dolci.
Numerose anche le centrifughe e i succhi…e non manca la birra in bottiglia!

exki bruxelles

I locali sono tutti molto ampi, con strutture in legno e dotati di wifi free, oltre che di riviste o giornali da leggere!

Inoltre sono molto attenti al rapporto con l’ambiente: non solo promuovono la raccolta differenza ma utilizzano anche piatti di carta riciclata.

Exki si trova anche in Francia, Lussemburgo, Olanda, Usa e..Italia: ho scoperto infatti che sono stati aperti locali a Torino e Milano e, appena avrò occasione, voglio farci un salto per vedere come sono!

A Gand c’è un altro locale che mi ha incuriosito molto: l’ho notato perchè ci eravamo fermati nel caffè accanto, si chiama Lekker Gec e dovrebbe trattarsi di un locale di cucina biologica!

Si trova davanti alla stazione e dall’esterno sembrava molto carino, pieno di verde…purtroppo ci eravamo già seduti quando l’ho notato e quindi non abbiamo potuto provarlo…dovessi tornare a Gand però ci farei volentieri un salto!

BRUXELLES: DALLA CUCINA ITALIANA AI CAFFE’ STORICI

wine house a bruxelles

Exki è stato il nostro punto di riferimento per tutti i pranzi anche a Bruxelles: ne abbiamo trovati due, uno alla galleria Ravenstein, vicino al Palazzo Reale, e l’altro a Place de la Borse.

Nella capitale belga però abbiamo avuto occasione di cenare anche in un paio di locali: se il pub che abbiamo scelto la seconda sera non mi è piaciuto molto, il wine bar della prima sera è risultato essere un ottimo ristorante italiano.

Si chiama Winehouse e si trova in Rue de la Grande Ile, nel centro di Bruxelles: è un’osteria gestita da ragazzi italiani, che hanno anche alcuni appartamenti nella strada accanto, che affittano come B&B, e dove abbiamo dormito durante il nostro soggiorno.
L’osteria infatti è utilizzata anche come sala per le colazioni dato che durante il giorno funziona anche come cafè!

cena da wine house

Attenzione però: il locale è davvero piccolo e quindi si riempie facilmente!

Non solo la cucina è molto buona ma se amate il buon vino, la lista vini è interessante!

Infine, se vi trovate a passeggiare per il centro di Bruxelles e avete voglia di una pausa caffè/waffle/crepe in un ambiente suggestivo, provate Le Cirio, in Rue de la Bourse, non lontano dalla Grand Place.

le cirio a bruxelles

Si tratta di un caffè storico in stile Liberty che abbiamo scoperto per caso: il locale ha mantenuto praticamente inalterata la struttura e gli arredi di fine ottocento e inizio novecento!

crepes a bruxelles

Birra e crepes sono ottime ma anche se non avete voglia di consumare e vi trovate a passate da queste parti, vi consiglio di fare un giro all’interno…vi sembrerà di fare un salto nel tempo!

(320 views)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *