Informativa sull'uso dei cookie

 Ylenia Caioli

Accoglienza 2.0 per i viaggiatori: a Firenze nasce Keesy

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

keesy pointChiunque viaggi e scelga di alloggiare in appartamento sa bene cosa vuol dire essere vincolato dall’appuntamento per la consegna delle chiavi: qualsiasi eventuale ritardo (per colpa del volo o dei mezzi di trasporto) può infatti creare problemi..a me è successo un paio di volte.

Inoltre quando si arriva da viaggi intercontinentali, o che hanno comportato una levataccia, siamo talmente stanchi da non avere testa o voglia di dialogare con il padrone di casa (magari anche in lingua straniera) e vorremmo soltanto andare a riposare. Ecco perchè credo che un’idea come quella di Keesy sia intelligente e utile, non solo per chi affitta appartamenti ma anche per i viaggiatori stessi.

Keesy è innanzitutto un servizio automatico di accoglienza per check-in/check out, presentato in questi giorni a Firenze. Fin dalla prima volta che me ne hanno parlato, lo scorso autunno, l’ho trovato un’idea interessante e che mi auguro possa crescere non solo in Italia ma anche all’estero.

Il servizio si basa su KeesyApp un’applicazione per smartphone: il proprietario dell’appartamento o casa vacanza che decida di attivare il servizio di accoglienza, noleggia una casella in un Keesy Point, dove lascia le chiavi dell’appartamento per un tempo minimo di 24h; così facendo invia al suo cliente un sms/email o segnalazione nella app con un codice segreto.

Il viaggiatore, una volta giunto in città, raggiungerà il Keesy Point dove userà il codice per ritirare le chiavi: inoltre, sempre nella stessa struttura, sbrigherà le pratiche per l’invio dei documenti alla Questura e pagherà la famigerata tassa di soggiorno. Tutto questo, con un sistema automatizzato  in 7 lingue, h24 e con un’assistenza in remoto in caso di bisogno.

postazione keesy pointMa non è finita: grazie infatti alla KeesyApp, il proprietario ha a disposizione una scheda di presentazione del proprio appartamento da condividere con il viaggiatore. Nella scheda è possibile descrivere la struttura dell’immobile (anche con foto e video), il funzionamento di elettrodomestici e/o impianti e tutte le regole della casa. In questo modo il viaggiatore può studiarsi prima funzionamento e regole e averle sempre a portata di smartphone.

Il proprietario può indicare anche numeri utili in caso di problemi, consigli (cosa vedere o dove mangiare etc) e tutto quello che ritiene utile per rendere confortevole la permanenza del proprio ospite. In caso di problemi, nella app è disponibile una chat che consente di rimanere in contatto.

Questo ovviamente non esclude incontri fisici (personalmente più che benvenuti) tra host e guest!

postazione free chargingAltri vantaggi per i viaggiatori si trovano nei servizi offerti dai Keesy Point: wifi free, punti di ricarica smartphone o pc e un utile deposito bagagli (che può essere messo a disposizione dal proprietario oppure acquistato direttamente dal viaggiatore).

Se per usufruire dei Keesypoint è necessario che il proprietario dell’appartamento attivi il servizio, la KeesyApp è invece utilizzabile direttamente dai viaggiatori stessi: nella sezione Esplora sono infatti raccolte informazioni utili sulla città nella quale ci si trova. Ad esempio su Firenze ho trovato informazioni su trasporti e parcheggi, numeri di emergenza, consigli sulle principali attrazioni e su locali dove mangiare, eventi, attività per bambini e molto altro.

Keesy ha appena aperto il suo primo point su Firenze (proprio accanto alla Stazione di S. Maria Novella) e ci vorrà qualche tempo per capire quale sarà la risposta di proprietari e viaggiatori: sono comunque già in programma aperture a Roma, Milano e Venezia entro la fine dell’anno.

Per maggiori informazioni o per scaricare la app potete consultare il sito.

inaugurazione keesy a firenzeAlla conferenza stampa di presentazione Keesy è stato presentato come il primo servizio del genere per l’accoglienza dei turisti nel mondo. Sono abbastanza sicura che per l’Italia sia davvero una novità, ma per il resto del mondo non saprei..personalmente, scelgo spesso l’appartamento nei miei viaggi ma non mi è mai capitato di usufruire di un servizio del genere (e devo dire che in alcuni occasione mi avrebbe fatto molto comodo!).

E voi? Avete avuto mai occasione di sperimentare un servizio simile?

(40 views)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *